Cosa visitare

Viggianello è una meta turistica capace di incantare i suoi visitatori non solo per la incomparabile bellezza paesaggistica ma anche per le numerose testimonianze storico/artistiche che hanno reso questo luogo uno scrigno di arte, di storia e di tradizioni. Meritano, di sicuro, una visita:

- Castello normanno-svevo (sec. XI) . Costruito da Guglielmo il Guiscardo su precedente struttura longobarda. Fu residenza dell'Imperatore Federico II di Svevia nel 1224 e nel 1227;

- Chiesa Madre (sec.XVII) in stile gotico a tre navate (tele del seicento, cripta, affreschi, organo a canne del '800, reliquia di S.Caterina d'Alessandria,coro in legno intarsiato del '600, altare in marmo policromo realizzato dal Palmieri nel '700, blasone della nobile famiglia Marino);

- Biblioteca Comunale F. Santoro, in Corso De Filpo. Contiene anche libri antichi;

- Fonte battesimale in alabastro nero (sec. XVI) nella Chiesa Madre;

- Pulpito in marmo policromo con due colonne in marmo bianco finemente lavorato e blasone nobiliare(sec. XVIII), nella Chiesa madre (non più presente!);

- Tomba del Senatore del Regno d'Italia V.De Filpo (sec.XIX)in stile gotico;

- Area archeologica di età greco-romana in località Spidarea;

- Laure bizantine-resti della Nuova Tebaide (sec.IX) ai piedi del centro storico;

- Cappella dell'Assunta (sec. XVI) costruita dai Principi Sanseverino;

- Affresco dell'annunciazione di Angelo Galtieri di Mormanno(sec. XVI), nella Cappella dell'Assunta;

- Cappella Santa Maria della Grotta (sec. XVI), con portale in pietra bianca e portone in legno intagliato del '500;

- Altari in legno dipinti (sec. XVI) nella Cappella dell'Assunta;

- Altari in marmo policromo (sec. XVIII) nella Chiesa Madre;

- Il Calvario (anno 1611) ricavato da un unico blocco di pietra;

- Cappella Santa Barbara martire costruita nel 1584 da Vintello Severino;

- Ruderi dell'abbazia (sec. XIII) in località Zarafa;

- Vicoletti del centro storico con caratteristiche piazzette e slarghi;

- Fontana di Gioia (sec. XIX) nel rione S.Francesco;

- Fontana di Marcaldo (sec. XIX) nel rione Marcaldo;

- Fontana Malita (sec.XIX) sull'antica strada Viggianello-Pedali;

- Palazzo Caporale (sec. XVIII) e relativo museo;

- Piazza Umberto I con spettacolare veduta sulla valle sottostante;

- Rione Ravita (sec. IX) edificato dai Saraceni;

- Portali in pietra lavorata (sec. XVIII) nel centro storico;

- SS. Trinità (sec. XVI) con cupola bizantina e affreschi cinquescenteschi di Saverio Riccio raffiguranti il Giudizio Universale;

- Statua in marmo bianco del Bernini (sec. XVI) presso S.Antonio al Convento;

- Ruderi degli antichi mulini ad acqua, in località Malita;

- Anfiteatro presso la villa comunale

- Galleria Mercurion con mostre di quadri di pittori locali

- Sorgenti del Mercure in località Mulino